MAGICO E COMMOVENTE

NAPOLI TEATRO FESTIVAL E FRANCIA IN SCENA PRESENTANO

IL “PINOCCHIO” DI JOEL POMMERAT

Al Teatro Mercadante dal 24 al 26 giugno

Dopo il grande successo di La Réunification des deux Corées presentato al Festival 2013, Joël Pommerat – una delle voci più interessanti della scena teatrale internazionale – torna a Napoli con uno spettacolo adatto ad adulti e bambini che prende spunto dalla più famosa fiaba italiana.
Lo spettacolo è al Napoli Teatro Festival dal 24 al 26 giugno in scena al teatro Mercadante e si inserisce nel cartellone de La Francia in scena, la stagione artistica dell’Institut français Italia e dell’Ambasciata di Francia in Italia.

Il Pinocchio immaginato da Pommerat è un essere smarrito, ingenuo, incantato «quindi immerso – aggiunge l’autore – in uno stato profondamente teatrale». Questo burattino nasce da un albero, dopo un temporale, come se fosse uno spirito della natura.

In principio è solo una voce impaziente di venire al mondo, una figurina che vaga senza meta nell’attesa di trovare un corpo. Il suo folle bisogno di vivere e di sentirsi vivere si traduce in straordinari appetiti: bere, mangiare, muovere la lingua, le orecchie, gli occhi, sgranchire mani e piedi, abbracciare il mondo intero per potersene saziare e meravigliare. Poi l’incontro con la scuola, i compagni di avventura e sventura, la fata turchina e le mille peripezie di questa storia che tutti ben conosciamo, lo condurranno a compiere un percorso di formazione in cui diventerà un bambino vero.

Gli spettacoli di Joël Pommerat possiedono la rara caratteristica di essere allo stesso tempo magici e artigianali, capaci di sorprendere e commuovere in maniera radicale. In questo caso, la storia di Pinocchio consente a bambini ed adulti di interrogarsi su cosa significa diventare grandi, sull’uso della libertà e sul significato della trasgressione.

Tuttavia, i conflitti tra pulsione e ragione, tra spirito di libertà e necessità conformarsi agli schemi sociali non vengono mai presentati in maniera moralistica. Lo spettacolo si concentra sul contrasto tra la seria austerità del reale e la magia della fantasia.
Liberamente reinventato, questo Pinocchio in cui l’immaginazione infantile si misura con la durezza degli adulti, partirà dai temi della paternità e della povertà per approdare a domande quali: si può estinguere un debito di vita? Si può diventare grandi restando liberi?